Studio «Opportunità e rischi del Mobilità elettrica in Svizzera»

Introduzione | Svolgimento | Risultati / Downloads | Manifestazioni | Contatto | Link

Buchumschlag_elektrom.jpg

Chancen und Risiken der Elektromobilität in der Schweiz. Studio del Centro per la valutazione delle scelte tecnologiques, Peter de Haan, Rainer Zah, Zürich, vdf, 260 p.,  CHF 39.--/ EUR 34.--, ISBN 978-3-7281-3487-5 (libro) / Download open access. vdf Hochschulverlag AG

Introduzione

L’espansione disordinata degli insediamenti, crescenti flussi di traffico e il corrispondente consumo di risorse naturali sono preoccupanti. A prima vista, i veicoli elettrici potrebbero contribuire perlomeno ad attenuare il consumo di combustibili fossili e le emissioni di CO2. A un’analisi più attenta, il potenziale di conflitto della mobilità elettrica risulta tuttavia notevole.

Opportunità e rischi della mobilità elettrica
Vi sono vari argomenti a favore di una maggior diffusione delle automobili elettriche: non inquinano l’ambiente con sostanze nocive, hanno deboli emissioni foniche e aumentano l’indipendenza da fornitori di materie prime che non sempre si distinguono per affidabilità politica.

La mobilità elettrica solleva problemi nella misura in cui la Svizzera non potrebbe soddisfare un aumento improvviso della domanda di elettricità con fonti energetiche rinnovabili (come la forza idrica, l’energia eolica o l’energia solare). A quel punto dovrebbe chiedersi se costruire nuove centrali nucleari o eventualmente importare energia elettrica prodotta in impianti nucleari all’estero. Inoltre, l’imposta sugli oli minerali è la principale fonte di introiti per finanziare progetti infrastrutturali per i trasporti stradali. Un crollo di questi introiti avrebbe conseguenze drastiche per l’infrastruttura o per gli strumenti di finanziamento della Confederazione.

Perché uno studio su questo tema?
Sono molte le persone interessate dagli interrogativi legati all’impostazione del sistema dei trasporti. E come illustrato sopra, la tematica non è priva di conflitti.

Obiettivi dello studio
Con un’analisi del ciclo di vita dei veicoli elettrici, dalla fabbricazione allo smaltimento, sono descritte le conseguenze ecologiche di un incremento della mobilità elettrica per la Svizzera.

Sono inoltre elaborati scenari, che consentono di stimare gli sviluppi presumibili per il futuro prossimo e lontano (fino al 2030) e di integrare la mobilità elettrica in un contesto sociale complessivo. Sarà così possibile rispondere a interrogativi come i seguenti:

  • Quale aumento del consumo di energia elettrica provocherebbe una penetrazione del mercato realistica dei veicoli elettrici?
  • Quali sarebbero le ripercussioni per la produzione e la vendita di energia elettrica?
  • Quali sarebbero le conseguenze prevedibili per le finanze pubbliche se i ricavi dell’imposta sugli oli minerali diminuissero drasticamente / conformemente all’evoluzione ipotizzata del parco veicoli?
  • Quali sarebbero gli adeguamenti dell’infrastruttura necessari per consentire ai veicoli elettrici di imporsi?
  • Quali sono le opportunità e i rischi della mobilità elettrica per gli individui, la società e l’ambiente?

[TOP]

Svolgimento

Metodo
Lo studio prevede cinque tappe di lavoro.

  • Definizione dell’oggetto d’indagine e dei limiti del sistema
  • Elaborazione di scenari normativi
  • Analisi del ciclo di vita con calcolo dell’impatto ambientale per chilometro-veicolo
  • Analisi delle ripercussioni che non rientrano nell’analisi del ciclo di vita (ripercussioni sociali, costi, penuria di materiali, ecc.)
  • Raccomandazioni ai decisori

Calendario
Inizio del progetto: luglio 2011| Fine del progetto: presumibilmente autunno 2012

[TOP]

Resultati e downloads

Comunicato stampa il 21 gennaio 2013
in francese e tedesco

Studio
in tedesco 


Sintesi dello studio

Un futuro sotto tensione 

[TOP]

  

Manifestazioni

disponibili a completamento del progetto

[TOP]

Contatto

Comitato di patronato

  • Centro per la valutazione delle scelte tecnologiche TA-SWISS
  • Ufficio federale dell’energia UFE
  • Ufficio federale delle strade USTRA
  • Ufficio federale dell'ambiente UFAM

Persone coinvolte nel progetto

Responsabile del progetto presso TA-SWISS

  • Dr. Lucienne Rey, TA-SWISS. E-Mail

Coordinatori del progetto

  • Dr. Rainer Zah, Empa, San Gallo (capoprogetto)
  • Hans-Jörg Althaus, EMPA, Dubendorf
  • Marcel Gauch, EMPA Dübendorf
  • Denise Fussen, Ernst Basler + Partner AG, Zollikon
  • Peter De Haan, Ernst Basler + Partner AG, Zollikon 
  • Frank Bruns, Ernst Basler + Partner AG, Zollikon

Gruppo d’accompagnamento

  • Dr. Ruedi Jörg-Fromm
  • Heidi Blattmann, Herrliberg, comitato direttivo TA-SWISS
  • Christian Bühlmann, Ufficio federale dell’energia UFE, Ittigen
  • Volker Fröse, Ufficio federale delle strade USTRA, Berna
  • Lino Guzzella, ETH Zurigo
  • Dr. Stefan Hirschberg, Istituto Paul Scherrer PSI, Villigen
  • Kurt Hug, Università di Scienze Applicate dei Berna, Vaufflin
  • Christian Jahn, Ufficio federale delle strade USTRA, Berna
  • Mario Keller, INFRAS, Berna
  • Dieter Kraft, Bosch, Stoccarda
  • Fridolin Stähli, Università di Scienze Applicate della Svizzera nordoccidentale, Windisch
  • Prof. Dr. Daniel Wachter, Ufficio federale delle sviluppo territoriale ARE , Berna
  • Michael Weber, Ufficio federale dell'ambiente UFAM, Berna

[TOP]

Link

Link sull’argomento
disponibili a completamento del progetto

[TOP]

Project
Short Title: Electromobility
Long Title: Opportunities and risks of electromobility in Switzerland
Short Description: Many expect that electromobility will make the traffic more eco-friendly: after all electrically powered vehicles expel no pollutants, and they move nearly silently. However, battery construction requires environmentally harmful materials, and many disposal issues are still unresolved. The TA-SWISS study examines how electromobility could fit into the Swiss traffic system and which consequences this could have for environment, society and economy.
Start: 2011
End: 2012
Partner Institutes:
Scope Countries:
Contact Person: Rey, Lucienne
Home Page URL: http://www.ta-swiss.ch/en/projects/mobility-energy-climate/electromobility
Focus: Mobility / Energy / Climate
Project Leader: TA-SWISS
Other Members:

Il progetto in sintesi

Molti si aspettano che l'elettromobilità renderà il traffico più ecocompatibile: infatti i veicoli a motore elettrico non emettono inquinanti e sono praticamente silenziosi. Tuttavia la fabbricazione delle batterie richiede l'utilizzo di sostanze che impattano sull'ambiente, e molti problemi legati allo smaltimento dei rifiuti sono ancora irrisolti. Lo studio di TA-SWISS analizza come l'elettromobilità potrebbe integrarsi con la viabilità svizzera e quali sono le possibili conseguenze di un suo utilizzo per l'ambiente, la società e l'economia.

Inizio del progetto: Giugno 2011 - autunno 2012

Pubblicazioni: Rapporto (in tedesco) e sintesi

Coordinatori del progetto: Peter De Haan, Basler und Partner AG (capoprogetto) 

emobilia_11_002_014_sw_klein_2.jpg

Foto: @ koelnmesse