SurPRISE (2012-2015)

Surveillance, Privacy and Security: A large scale participatory assessment of criteria and factors determining acceptability and acceptance of security technologies in Europe


Screen_Shot_2016-10-06_at_17.00.10.png

SurPRISE è un progetto europeo finalizzato ad esaminare l'opinione dei cittadini in merito alle tecnologie di sorveglianza. Il progetto mira a valutare le esigenze dei cittadini in materia di sicurezza e a stabilire in che misura e a quali condizioni essi siano disposti a cedere parte della propria privacy a vantaggio delle tecnologie di sorveglianza. Al progetto partecipano undici partner del mondo accademico, tra cui TA-SWISS, Centro per la valutazione delle scelte tecnologiche. Nell'ambito di questo progetto, TA-SWISS ha organizzato nel 2013 una consultazione cittadina. La stessa consultazione è stata condotta simultaneamente in ciascuno dei paesi partecipanti al progetto SurPRISE.

Opportunità e rischi delle tecnologie di sorveglianza

Le tecnologie di sorveglianza si diffondono costantemente. Grazie alle tecnologie di sorveglianza sempre più performanti, è possibile contrastare microcriminalità, terrorismo, cibercriminalità e frode fiscale. I progressi nel settore dell'informatica, del riconoscimento e della biometria consentono di mettere a punto delle tecnologie in grado di superare i limiti nella lotta alla criminalità. Tuttavia, queste tecnologie possono anche compromettere la  privacy degli individui, e ciò quanto più vengono utilizzate a fini preventivi.  Di conseguenza, i governi sono costretti a trovare un equilibrio tra le legittime esigenze di sicurezza della società e il diritto alla privacy degli individui. Si tratta di un esercizio che richiede un complesso equilibrio di interessi nel quale intervengono molteplici fattori. 

Perché TA-SWISS partecipa al progetto «SurPRISE»

In Svizzera, il dibattito sulle tecnologie di sorveglianza e la conseguente tematica della tutela della privacy è molto attuale. Si considerino in particolare le discussioni sulla videosorveglianza a cui fanno ricorso numerose collettività e privati. Anche l'introduzione del passaporto biometrico ha suscitato un ampio dibattito mettendo in evidenza la dimensione internazionale del tema della sicurezza. La cibercriminalità desta altrettanta preoccupazione e la sorveglianza delle reti diviene un elemento cruciale della sicurezza nazionale.

Per saperne di più

Progetto UE SurPRISE

Scaricamenti

Rapporti e risultati europei

Video:

Smart CCTV

Deep Packet Inspection

Smart Location Tracking


Organizzazione

Coordinamento del progetto

Institut für Technologiefolgen-Abschätzung-ITA. Johan Cas

Istituzioni europee partecipanti al progetto

Gruppo consultativo

  • Dr. Bruno Baeriswyl,  Incaricato cantonale alla protezione dei dati, Zurigo; Comitato direttivo TA-SWISS.
  • Dr. Sami Coll, Istituto di sociologe, Università di Geneva.
  • Dr. Francisco Klauser, Istituto di geografia, Università di Neuchâtel.
  • Prof. Katharina Preicz-Huber, Presidente Vpod, Comitato direttivo TA-SWISS, Zurigo.
  • Philipp Stüssi, Servizio dell’Incaricato federale alla protezione dei dati, Berna.

Persone TA-SWISS coinvolte nel progetto

  • Dr. Danielle Bütschi, TA-SWISS, Responsabile del progetto
  • Dr. Sergio Bellucci, TA-SWISS
  • Dilini-Sylvie Jeanneret, TA-SWISS

Ordinare la pubblicazione