Robotica e apparecchi autonomi nell’assistenza sociale e sanitaria

Studio di esperti (2011-2012)


19495880_m.jpg


Opportunità e rischi degli apparecchi autonomi e dei robot 

Nei Paesi industrializzati si delinea una carenza di personale nell’ambito delle cure e della riabilitazione nonché dell’assistenza ad anziani e bambini. Il ventaglio delle possibili applicazioni di robot e apparecchi autonomi in questi settori è molto ampio: va dai robot di esercitazione, utilizzati nella riabilitazione, ai robot di servizio per la casa o ancora ai «peluche elettronici», che reagiscono a stimoli tattili e sono già impiegati in case per anziani giapponesi. In futuro, sistemi di assistenza a persone bisognose di cure consentiranno forse di restare più a lungo nella propria abitazione e posticipare il ricovero in una casa per anziani. Ma fin dove si arriverà? È l’inizio di una tecnicizzazione in settori come la cura degli anziani, dove finora il contatto umano era irrinunciabile? 

Perché uno studio TA-SWISS su questo tema? 

Vi sono numerosi interrogativi senza risposta, ad esempio in relazione all’idoneità degli apparecchi nella vita di tutti i giorni e alle conseguenze per i diretti interessati – sia per le persone servite o assistite da un robot che per le persone che lavorano in stabilimenti in cui sono impiegati robot e apparecchi autonomi.

Wissenswertes – Pour en savoir plus – Saperne di più – Learn more

Die Sendung «Einstein» auf Schweizer Fernsehen SF: Interview mit Projektleiterin Prof. Heidrun Becker

Organizzazione

Comitato di patronato

  • Centro per la valutazione delle scelte tecnologiche TA-SWISS
  • Commissione per la tecnologia e l’innovazione CTI
  • Accademia svizzera di scienze  morali e sociali ASMS
  • Accademia svizzera delle scienze mediche ASSM

Mandatari

  • Dr. Heidrun Becker, Ministero della Salute, Università di Scienze Applicate ZAHW (capoprogetto)
  • Dr. Holger Auerbach, Winterthur Istituto di Economia Sanitaria WIG, ZHAW
  • Richard Alexander Hüppi, School of Engineering, ZHAW
  • Mandy Scheermesser, Ministero della Salute, ZHAW

Gruppo d’accompagnamento

  • Prof. Dr. Daniel Gygax, Università di Scienze Applicate della Svizzera nordoccidentale (presidente del gruppo d’accompagnamento)
  • Sibylle Ackermann Birbaum, Accademie svizzere delle scienze A+
  • Prof. Dr. Hannes Bleuler EPF Losanna
  • Dr. Katrin Crameri, Accademia svizzera delle scienze mediche ASSM, Basilea
  • Janine Graf, Commissione per la tecnologia e l’innovazione CTI, Berna
  • Bea Heim, Consigliere Nazionale, Partito Socialdemocratico, Canton Soletta
  • Prof. Dr. François HöpflingerUniversita di Zurigo
  • Prof. Dr. Annemarie Kesselring, Universita di Basilea
  • Dr. med. Pedro Koch, Senior Health Consultant, Küsnacht
  • Prof. Dr. Sabine Maasen, Universita di Basilea 
  • Dr. Jürg Müller, Servizi legali University Hospital di Basilea    
  • Thomas Müller, Giornalista Radio DRS, Basilea
  • Prof. Dr. Pasqualina Perrig-Chiello, Universita di Berna
  • Prof. Dr. Robert Riener, ETH Zurigo
  • Dr. Markus Zürcher, Accademia svizzera di scienze  morali e sociali ASMS, Berna
  • Prof. Dr. Giatgen Spinas, Ospedale universitario di Zurigo
  • Prof. Dr. Gábor Szekely, Commissione per la tecnologia e l’innovazione CTI, Berna

 Responsabile del progetto presso TA-SWISS

Dr. Adrian Rüegsegger, TA-SWISS. E-Mail

Ordinare la pubblicazione