Studio «Robotica e apparecchi autonomi nell’assistenza sociale e sanitaria»

Introduzione | Svolgimento | Risultati / Downloads | Manifestazioni | Contatto | Link

Buchumschlag_Robotik.jpg

Robotik in Betreuung und Gesundheitsversorgung. Studio del Centro per la valutazione delle scelte tecnologiques, Heidrun Becker, Mandy Scheermesser, Michael Früh, Yvonne Treusch, Holger Auerbach, Richard Alexander Hüppi, Flurina Meier, Zürich, vdf, 252 p.,  CHF 39.--/ EUR 34.--, ISBN 978-3-7281-3520-9 (libro) / Download open access. vdf Hochschulverlag AG

Introduzione

Cos’è la robotica?
Nell’industria, i robot sono molto diffusi da tempo: svolgono lavori di routine, ad esempio nell’ambito del montaggio di automobili. Questi robot industriali non corrispondono all’immagine di «esseri» di lamiera dall’aspetto umano associata generalmente alla parola robot – si tratta piuttosto di macchine che eseguono in modo molto efficiente operazioni che prima erano svolte da esseri umani. Quando si ipotizza di affidare a robot o apparecchi autonomi anche compiti nel settore sociale, l’obiettivo non è tanto di aumentare l’efficienza, ma piuttosto di assistere e completare la forza lavoro umana. 

Opportunità e rischi degli apparecchi autonomi e dei robot
Nei Paesi industrializzati si delinea una carenza di personale nell’ambito delle cure e della riabilitazione nonché dell’assistenza ad anziani e bambini. Il ventaglio delle possibili applicazioni di robot e apparecchi autonomi in questi settori è molto ampio: va dai robot di esercitazione, utilizzati nella riabilitazione, ai robot di servizio per la casa o ancora ai «peluche elettronici», che reagiscono a stimoli tattili e sono già impiegati in case per anziani giapponesi. In futuro, sistemi di assistenza a persone bisognose di cure consentiranno forse di restare più a lungo nella propria abitazione e posticipare il ricovero in una casa per anziani. Ma fin dove si arriverà? È l’inizio di una tecnicizzazione in settori come la cura degli anziani, dove finora il contatto umano era irrinunciabile? 

Perché uno studio TA-SWISS su questo tema?
Vi sono numerosi interrogativi senza risposta, ad esempio in relazione all’idoneità degli apparecchi nella vita di tutti i giorni e alle conseguenze per i diretti interessati – sia per le persone servite o assistite da un robot che per le persone che lavorano in stabilimenti in cui sono impiegati robot e apparecchi autonomi.

Obiettivi dello studio
Il presente studio interdisciplinare analizza le opportunità e i rischi della robotica e dell’uso di apparecchi autonomi nell’ambito dell’assistenza, della riabilitazione, delle cure e della terapia in base a scenari futuri il più possibile realistici. A suscitare particolare interesse è l’assistenza agli anziani. Sono presi in considerazione sia il contesto istituzionale (istituti, ospedali, studi medici) che il contesto domestico. Sono esaminati tra l’altro i seguenti interrogativi: 

  • Quali applicazioni esistono già, per quali applicazioni sono sperimentati prototipi e quali sono i futuri campi d’applicazione ipotizzabili? Che ne è dell’idoneità degli apparecchi nella vita di tutti i giorni?
  • Dove sussiste un bisogno di automatizzazione? Quali attori e interessi si celano dietro l’intenzione di delegare a robot prestazioni fornite finora da esseri umani? In che misura le premesse culturali influenzano l’accettazione nei vari settori?
  • L’automatizzazione è una soluzione opportuna? Non vi è un pericolo di smantellamento di compiti nel settore sociale? I robot non sostituiranno persone che non hanno una formazione superiore, ma svolgono spesso compiti esigenti sul piano emotivo, ad esempio nelle cure?
  • L’avanzata dei robot nel settore sociale è accettabile dal punto di vista etico? O vi sono motivi di tutelare dalla tecnicizzazione un settore in cui assumono rilievo le interazioni sociali e i sentimenti?
  • Fino a dove può spingersi l’autonomia prepro­grammata di un robot senza creare problemi per la sicurezza? In questo contesto assume rilievo la situazione giuridica – occorre esaminare la questione della responsabilità civile.
  • Quali sono i potenziali economici, ad esempio per i fabbricanti di tali apparecchi? Che ne è dei costi – tenendo conto non solo dell’acquisto degli apparecchi, ma anche della loro manutenzione.
  • Per finire, la situazione è esaminata in un’ottica globale. In base a tale esame saranno formulate raccomandazioni concernenti la gestione della problematica indirizzate ai decisori, in particolare ai politici.

[TOP]

Svolgimento

Metodo
Lo studio si articola in sei tappe: 

  • Analisi della situazione: analisi della letteratura sugli sviluppi e sui prototipi attuali nonché sull’impiego di robot e apparecchi autonomi nella pratica.
  • Analisi dell’ambiente: rilevazione delle macrotendenze in base ai fattori «PESTEL»: Political, Economic, Sociocultural, Technological, Environmental and Legal analysis.
  • Analisi del bisogno: interrogazione di attori in gruppi focus sul bisogno, sulle esigenze e sui timori.
  • Riflessione e valutazione: interrogazione di esperti sulla tecnica (fattibilità), sull’economia (realizzabilità), sulla società, sull’etica e sul diritto. 
  • Elaborazione di un bilancio globale, analisi delle opportunità e dei rischi, eventualmente sotto forma di scenari.
  • Formulazione di raccomandazioni indirizzate a vari gruppi target.

Calendario
Inizio del progetto: giugno 2011 | Fine: autunno 2012

[TOP]

Resultati e downloads

disponibili a completamento del progetto

Newsletter
01/2011 in francese e tedesco

Factsheet
Robot Companions for Citizens, in francese e tedesco

Comunicato stampa il 18 dicembre 2012
in francese e tedesco

Studio
in tedesco

Sintesi dello studio
RoboCare - L'assistenza sanitaria nell'era dell'automazione

[TOP]

Manifestazioni

Flagship RoboCom  - Rise of Sentient Machines? Robot Companions for Citizens 
May 22, 2012 / Diaconis Tagungszentrum Blumenberg,
 Bern 
Programme and Speakers

Presentations:
Prof. Ulrich W. Suter    
Prof. Paolo Dario 
Prof. Rolf Pfeifer
Dr. Susanne Beck 
Prof. Dr. Heidrun Becker

Links:
Presentation of Paolo Dario, Flagship Info-Day, Brussels 2012
RoboCom Movie  
RoboCom Manifesto
The Ethical Frontiers of Robotics, article by Noel Sharkey

[TOP]

Contatto

Comitato di patronato

  • Centro per la valutazione delle scelte tecnologiche TA-SWISS
  • Commissione per la tecnologia e l’innovazione CTI
  • Accademia svizzera di scienze  morali e sociali ASMS
  • Accademia svizzera delle scienze mediche ASSM

 

Persone coinvolte nel progetto

Responsabile del progetto presso TA-SWISS

  • Dr. Adrian Rüegsegger, TA-SWISS. E-Mail

Coordinatori del progetto

  • Dr. Heidrun Becker, Ministero della Salute, Università di Scienze Applicate ZAHW (capoprogetto)
  • Dr. Holger Auerbach, Winterthur Istituto di Economia Sanitaria WIG, ZHAW
  • Richard Alexander Hüppi, School of Engineering, ZHAW
  • Mandy Scheermesser, Ministero della Salute, ZHAW

Gruppo d’accompagnamento

  • Prof. Dr. Daniel Gygax, Università di Scienze Applicate della Svizzera nordoccidentale (presidente del gruppo d’accompagnamento)
  • Sibylle Ackermann Birbaum, Accademie svizzere delle scienze A+
  • Prof. Dr. Hannes Bleuler EPF Losanna
  • Dr. Katrin Crameri, Accademia svizzera delle scienze mediche ASSM, Basilea
  • Janine Graf, Commissione per la tecnologia e l’innovazione CTI, Berna
  • Bea Heim, Consigliere Nazionale, Partito Socialdemocratico, Canton Soletta
  • Prof. Dr. François HöpflingerUniversita di Zurigo
  • Prof. Dr. Annemarie Kesselring, Universita di Basilea
  • Dr. med. Pedro Koch, Senior Health Consultant, Küsnacht
  • Prof. Dr. Sabine Maasen, Universita di Basilea 
  • Dr. Jürg Müller, Servizi legali University Hospital di Basilea    
  • Thomas Müller, Giornalista Radio DRS, Basilea
  • Prof. Dr. Pasqualina Perrig-Chiello, Universita di Berna
  • Prof. Dr. Robert Riener, ETH Zurigo
  • Dr. Markus Zürcher, Accademia svizzera di scienze  morali e sociali ASMS, Berna
  • Prof. Dr. Giatgen Spinas, Ospedale universitario di Zurigo
  • Prof. Dr. Gábor Szekely, Commissione per la tecnologia e l’innovazione CTI, Berna

Link

Link sull'argomento

Roboter von morgen: dein Freund und Helfer Wissenschaft im Gespräch 
Una trasmissione radio in tedesco DRS 2

Roboter helfen im Altersheim (informazioni in tedesco)
La trasmissione «Einstein» sulla televisione svizzera in tedesco

[TOP]

Project
Short Title: Robotics
Long Title: Robotics and autonomous devices in social and health care
Short Description: Automation is progressively becoming a part of day-to-day life, and devices are becoming increasingly interactive. The loss of human contact because of machines such as cash dispensers, which obviate the need to go to the bank counter, seems to present few problems. But where social contacts are more important it is a different story. The study will therefore investigate the opportunities and consequences of robotics, or of autonomous devices in the areas of rehabilitation, nursing care and therapy.
Start: 2011
End: 2012
Partner Institutes:
Scope Countries:
Contact Person: Rüegsegger, Adrian
Home Page URL: http://www.ta-swiss.ch/en/projects/biotechnology-medicine/robotics/
Focus: Biotechnology and medicine
Project Leader: TA-SWISS
Other Members:

Il progetto in sintesi

L’automazione avanza continuamente nella vita di tutti i giorni e gli strumenti sono sempre più interattivi. La perdita del contatto umano indotta da apparecchi come i bancomat, che rendono superfluo andare allo sportello bancario, sembra poco problematica. Ma lì, dove le relazioni sociali sono più importanti, le cose cambiano. Nello studio vengono quindi esaminate le opportunità e le conseguenze dell’utilizzo della robotica e di apparecchi automatizzati nei campi della riabilitazione, della cura e della terapia mediche.

Progetto: da maggio 2011 fino all’autunno 2012

Pubblicazioni: Rapporto (tedesco) e sintesi

Coordinatore del progetto: Dr. Heidrun Becker, Università di Scienze Applicate ZAHW

Care_O-bot-JensKilian_sw_klein.jpg

Foto: Jens Kilian. Quelle: www.care-o-bot.de