Nanotecnologia nel settore alimentare

Studio di esperti (2009)


images.jpeg

Opportunità e rischi della nanotecnologia nel settore alimentare

Media popolari parlano anche già di «nanofood», da un lato presentando esempi di prodotti e scenari futuristi per l’alimentazione e dall’altro menzionando rischi imprevedibili. Tra i vantaggi sono citati ad esempio un maggior beneficio per la salute grazie a nuovi additivi, un prolungamento della conservabilità o nuove varianti di sapore. Quanto ai rischi si attira l’attenzione sulle ripercussioni delle nuove sostanze per la salute, non ancora studiate in misura sufficiente. E proprio questo suscita dubbi tra la popolazione, come è emerso dagli incontri publifocus organizzati da TA-SWISS nel 2006.

Perché uno studio di TA-SWISS dedicato a questo tema?

Secondo alcuni specialisti del settore delle scienze alimentari, oggi la nanotecnologia è ancora praticamente assente dagli alimenti, pur assumendo rilievo nella ricerca fondamentale. L’industria sta già investendo massicciamente per esplorare le eventuali possibilità. È pertanto doveroso fare il punto della situazione prima che eventuali prodotti vengano commercializzati su larga scala. La popolazione reagisce infatti in modo molto sensibile alle modalità con cui sono fabbricati gli alimenti: il dibattito sull’ingegneria genetica lo ha mostrato molto chiaramente. Una riflessione fondata tempestiva sulla nanotecnologia nel settore dell’alimentazione deve contribuire a una discussione obiettiva.

Comunicato stampa
Plus beaux, plus frais, plus sains –
grâce aux nanoemballages et aux nanoadditifs?
pdf in francese, tedesco e inglese

Rassegna stampa
«Nano» auf dem Teller und in der Flasche, Neue Zürcher Zeitung, 24.01.2009
Nanoteilchen in Lebensmitteln sind ungenügend reglementiert, Tages Anzeiger, 24.01.2009
Keine Deklaration für Nano-Lebensmittel, Der Bund, 24.01.2009
Des nanotechnologies dans nos assiettes, Le Temps, 24.01.2009

Podcast
28.01.2009: Les nanoparticules, Radio Suisse Romande

 

Organizzazione

Comitato di patronato 

  • Centro per la valutazione delle scelte tecnologiche TA-SWISS
  • Ufficio federale dell'agricoltura (UFA) 
  • Commissione per la tecnologia e l'innovazione (CTI)

Mandatari

  • Dr. Ulrike Eberle, Öko-Institut e.V. – Institut für Angewandte Ökologie, Friburgo i.Br., Germania
  • Martin Möller, Öko-Institut e.V. – Institut für Angewandte Ökologie,  Friburgo i.Br., Germania

Gruppo d'accompagnamento

  • Prof. Dr. Ueli Aebi, Modulo-manager "biologia nano", Swiss Nanoscience Institute, Basilea
  • Dr. Andreas Bachmann, Filosofo, Ethik im Diskurs GmbH, Zurigo
  • Dr. Michael Beer, Dipartimento per la sicurezza alimentare, Ufficio federale della sanità pubblica (UFSP), Berna
  • Natalie Bougeard, Giornalista scientifico, L'Hebdo, Losanna 
  • PD Dr. Béatrice J. Conde-Petit, Corporate Development Bühler Management AG, Uzwil
  • Dr. Lutz End, R&D Formulation Nutrition, Fine Chemical Division, BASF AG, Ludwigshafen, Germania
  • Ruth Genner, Alimentare ingegnere, presidente del Partito dei Verdi
  • Peter Gubser, Services Marketing, Migros - Co-operative Alliance, Zurigo
  • Dr. Beat Hodler, Federazione delle industrie alimentari svizzere (fiala), Berna
  • Alain Kaufmann, Responsabili Nano pubbliche, interfaccia-Société Scienze, Università di Losanna
  • Prof. Dr. Harald Krug, Responsabile del "Interazioni Materiali-Biologia", EMPA, San Gallo
  • Dr. Markus Lötscher, Ufficio federale dell'agricoltura (UFA) 
  • Dr. Thomas H. Meier, Stiftung für Konsumentenschutz (SKS), Berna
  • Dr. Christoph Studer, Sostanze Division, suolo, biotecnologia, Ufficio federale dell'ambiente (UFAM), Berna
  • Prof. Dr. Peter Schurtenberger, département de physique de l'Université de Friboug, Center for Nanomaterials
  • Prof. Dr. Jakob Tanner, Istituto per la storia economica e sociale dell'Università di Zurigo
  • Prof. Dr. Erich Windhab, Istituto di Scienze dell'Alimentazione e della Nutrizione, ETH Zurigo

Responsabile del progetto presso TA-SWISS

  • Dr. Adrian Rüegsegger, TA-SWISS, e-mail

Ordinare la pubblicazione