Opportunità e rischi del Mobilità elettrica in Svizzera

Studio di esperti (2011-2012)


Screen-Shot-2017-04-10-at-23.23.18.png


L’espansione disordinata degli insediamenti, crescenti flussi di traffico e il corrispondente consumo di risorse naturali sono preoccupanti. A prima vista, i veicoli elettrici potrebbero contribuire perlomeno ad attenuare il consumo di combustibili fossili e le emissioni di CO2. A un’analisi più attenta, il potenziale di conflitto della mobilità elettrica risulta tuttavia notevole.

Opportunità e rischi della mobilità elettrica

Vi sono vari argomenti a favore di una maggior diffusione delle automobili elettriche: non inquinano l’ambiente con sostanze nocive, hanno deboli emissioni foniche e aumentano l’indipendenza da fornitori di materie prime che non sempre si distinguono per affidabilità politica.

La mobilità elettrica solleva problemi nella misura in cui la Svizzera non potrebbe soddisfare un aumento improvviso della domanda di elettricità con fonti energetiche rinnovabili (come la forza idrica, l’energia eolica o l’energia solare). Inoltre, l’imposta sugli oli minerali è la principale fonte di introiti per finanziare progetti infrastrutturali per i trasporti stradali. Un crollo di questi introiti avrebbe conseguenze drastiche per l’infrastruttura o per gli strumenti di finanziamento della Confederazione.

Comunicato stampa 21.1.2013
in francese e tedesco

Organizzazione

Comitato di patronato

  • Centro per la valutazione delle scelte tecnologiche TA-SWISS
  • Ufficio federale dell’energia UFE
  • Ufficio federale delle strade USTRA
  • Ufficio federale dell'ambiente UFAM

Mandatari

  • Dr. Rainer Zah, Empa, San Gallo (capoprogetto)
  • Hans-Jörg Althaus, EMPA, Dubendorf
  • Marcel Gauch, EMPA Dübendorf
  • Denise Fussen, Ernst Basler + Partner AG, Zollikon
  • Peter De Haan, Ernst Basler + Partner AG, Zollikon 
  • Frank Bruns, Ernst Basler + Partner AG, Zollikon

Gruppo d’accompagnamento

  • Dr. Ruedi Jörg-Fromm
  • Heidi Blattmann, Herrliberg, comitato direttivo TA-SWISS
  • Christian Bühlmann, Ufficio federale dell’energia UFE, Ittigen
  • Volker Fröse, Ufficio federale delle strade USTRA, Berna
  • Lino Guzzella, ETH Zurigo
  • Dr. Stefan Hirschberg, Istituto Paul Scherrer PSI, Villigen
  • Kurt Hug, Università di Scienze Applicate dei Berna, Vaufflin
  • Christian Jahn, Ufficio federale delle strade USTRA, Berna
  • Mario Keller, INFRAS, Berna
  • Dieter Kraft, Bosch, Stoccarda
  • Fridolin Stähli, Università di Scienze Applicate della Svizzera nordoccidentale, Windisch
  • Prof. Dr. Daniel Wachter, Ufficio federale delle sviluppo territoriale ARE , Berna
  • Michael Weber, Ufficio federale dell'ambiente UFAM, Berna

Responsabile del progetto presso TA-SWISS

  • Dr. Lucienne Rey, TA-SWISS. E-Mail

 

Ordinare la pubblicazione