Energia dall’interno della Terra

La geotermia di profondità quale fonte energetica del futuro? Studio di esperti (2012-2014)


Screen-Shot-2017-04-10-at-23.21.26.png

La geotermia di profondità si prospetta come una forma energetica rinnovabile, pulita e a basso impatto ambientale (nessuna ripercussione sulla biodiversità, bassa impronta ecologica). Può fornire energia o elettricità in modo costante, indipendentemente dal soleggiamento, dalle precipitazioni, dal vento e dalle condizioni meteorologiche, ed è una fonte prodotta in loco che garantisce un'elevata sicurezza dell'approvvigionamento. 

I sistemi petrotermali stanno tuttavia solo muovendo i primi passi e devono ancora superare alcune sfide tecnologiche. La tecnologia EGS può segnatamente causare microsismi (terremoti), un aspetto problematico per la sua accettabilità. Occorre anche armonizzare e chiarire le condizioni quadro giuridiche a livello federale: non esistono infatti linee guida sulla proprietà dei dati geologici, dati che oltretutto sono spesso difficilmente accessibili. Attualmente manca inoltre una valutazione dettagliata delle risorse idrotermali e petrotermali in profondità e dei loro potenziali per la produzione di elettricità e calore. Siccome lo stato delle conoscenze è scarso, i rischi finanziari sono ancora notevoli e per ora la tecnologia EGS non si è sviluppata sul piano commerciale. Devono ancora essere esaminate anche le conseguenze (pro e contro) dello sfruttamento della geotermia di profondità per l'ambiente. 

 

Per saperne di più

« Un trésor énergétique sous nos pieds », Bulletin no.3/2012 de l’Office fédéral de l’énergie (OFEN)

Organizzazione

Comitato di patronato

  • Centro per la valutazione delle scelte tecnologiche TA-SWISS
  • Ufficio federale dell'energia UFE
  • Commissione per la tecnologia e l'innovazione CTI
  • Accademia svizzera delle scienze tecniche SATW  

Mandatori

  • Dr. Stefan Hirschberg, responsabile laboratorio di analisi di sistemi energetici, Dipartimenti di ricerca energetica, Istituto Paul Scherrer PSI, Villigen
  • Prof. Dr. Stefan Wiemer, Servizio sismico svizzero (SED), ETH-Hönggerberg, Zurigo
  • Prof. Dr. Dr. h.c Ortwin Renn, direttore scientifico e amministratore, Dialogik, Stoccarda, Germania 

Gruppo di accompagnamento

  • Dr. Gunter Siddiqi, Ufficio federale dell'energia UFE, Berna, presidente del gruppo di accompagnamento
  • Jürg Balmer, Ufficio federale della protezione della popolazione UFPP, Berna
  • Willy R. Gehrer, Siemens Schweiz AG, Electrosuisse, Zurigo, delegato della SATW
  • Dr. Monika Gisler, Unternehmen Geschichte & Entrepreneurial Risks, ETH, Zurigo
  • Elmar Grosse Ruse, WWF Svizzera, Zurigo
  • Dr. Rolf Hügli, Accademia svizzera delle scienze tecniche SATW, Zurigo
  • Dr. Peter Meier, Geo-Energie Suisse AG, Zurigo
  • Thomas Müller, Schweizer Radio DRS, Basilea
  • Dr. Kurt Nyffenegger, Sektion Grundwasser & Wasserversorgung, AWEL, Zurigo
  • Prof. Dr. Etienne Poltier, Faculté de droit de Lausanne, Université de Lausanne
  • Prof. Katharina Prelicz-Huber, Vpod, Zurigo
  • Dr. Berthold Schmidt, delegato della CTI, Berna
  • Jörg Uhde, Axpo Power AG | Neue Energien, Glattbrugg
  • Dr. Pascal Vinard, BKW Energie AG
  • Dr. Felix Würsten, giornalista scientifico, Zurigo
  • Dr. Roland Wyss, GEOTHERMIE.CH, Società Svizzera per la Geotermia SSG - SVG, Frauenfeld
  • Olivier Zingg, Geo-Energie Suisse AG, Zurigo  

Responsabile del progetto presso TA-SWISS

  • Dr. Christina Tobler, TA-SWISS. E-Mail

Ordinare la pubblicazione