Social Freezing

Un desiderio di maternità grazie al congelamento – Studio di esperti

 


39677991_m.jpg

Il Social Freezing, detto anche donazione dei propri ovuli, grazie alla crioconservazione degli ovuli consente alle donne di realizzare il loro desiderio di maternità anche in età più avanzata. Con ciò le donne in realtà fertili prendono in considerazione la procreazione medicamente assistita per spostare in avanti la loro gravidanza, a cui non si sentono pronte, ad esempio, a causa della loro carriera o in mancanza di un partner. A tale scopo, vengono prelevati, congelati e conservati i loro ovuli maturi. In caso di necessità, le donne possono scongelare gli ovuli a distanza di anni e farsi fecondare tramite la fecondazione in vitro. La tecnologia promette di liberare le donne dalla pressione dell’orologio biologico, ma solleva anche domande sui rischi medici, sul benessere del bambino e sull’ambizione sociale di conciliare famiglia e lavoro.

Nello studio interdisciplinare vengono valutati i rischi e le opportunità del Social Freezing. In esso si analizza anche quante sono le donne in Svizzera che prendono in considerazione il Social Freezing, il potenziale che questa tecnologia avrà in futuro e, in considerazione di ciò, che cosa cambierebbe rispetto ad oggi. Si discutono i punti che dovrebbe contenere una consulenza medica sul prelievo degli ovuli e, successivamente, sulla fecondazione in vitro e sull’impianto degli embrioni. Inoltre, un punto importante riguarda i criteri giuridici, etici, sociali e medici che dovrebbero essere considerati nella fecondazione degli ovuli e nell’impianto degli embrioni.

Infine, verrà effettuata una valutazione generale sulla base della quale si formuleranno raccomandazioni su come affrontare la tematica e che sono rivolte ai decisori, in particolare ai politici.

Organizzazione

Durata del progetto

Inizio: giugno 2017, fine prevista: novembre 2018

Mandatari

Direzione: Prof. Dr. Andreas Balthasar, Interface Politikstudien Forschung Beratung

Team del progetto:

  • Prof. Dr. Regina E. Aebi-Müller, Professorin für Privatrecht und Privatrechtsvergleichung, Universität Luzern
  • Prof. Dr. Christian Kind, Titularprofessor für Pädiatrie, Universität Zürich
  • Franziska Müller, DAS Evaluation
  • Sarah Fässler, Interface Politikstudien Forschung Beratung

Gruppo d'accompagnamento

  • Prof. Dr. Alberto Bondolfi, Université de Genève, comitato di direzione TA-SWISS – presidente del gruppo d'accompagnamento
  • Prof. Dr. med. Bruno Imthurn, Klinik für Reproduktions-Endokrinologie, UniversitätsSpital Zürich
  • Prof. Dr. med. Urs Scherrer, Kardiologe, Inselspital Bern
  • Prof. Dr. med. Giatgen A. Spinas, Universitätsspital Zürich, Mitglied des Leitungsausschusses von TA-SWISS
  • Prof. Dr. Frank Mathwig, Ethiker, Universität Bern
  • Dr. Nadja Eggert, Ethos - Plateforme interdisciplinaire d'éthique, Université de Lausanne
  • Dr. Nolwenn Bühler, Anthropologue, Interface Sciences-Société, Université de Lausanne
  • Dr. Matthias Bürgin, Juristischen Fakultät der Universität Basel & Bundesamt für Gesundheit BAG
  • Prof. Dr. Urs Brügger, Institutsleiter Winterthurer Institut für Gesundheitsökonomie, ZHAW School of Management and Law
  • Dr. Fridolin Marty, Leiter Gesundheitspolitik, economiesuisse
  • Dr. Heidi Simoni, Leitung Marie Meierhofer Institut für das Kind (MMI)
  • Ulrike Baureithel, freie Journalistin mit Schwerpunkt Gesundheits- und Sozialpolitik, Biopolitik und Geschichte

Gestione del progetto TA-SWISS

Dr. Christina Tobler,TA-SWISS (E-Mail)

Ordinare la pubblicazione